SUSSUKANDOM

punk blog, situazioni ed altre porcherie contro ignoti senza spirito

Poesia purpurea

Joseph Purple poeta metropolitano (Crema 1977). Qui trovate tutte le poesie “purpuree ” pubblicate sul blog.

 

strada sul mare corso.jpg

Giorni immortali

Eravamo appena partiti. Già si ritornava.
Io e lei si costruiva.
” stiamo viaggiando molto” mi disse
” a tutto jazz !” risposi

La notte prima
Aggrovigliati ad ogni ora
Mangiare, scopare, doccia, fumare
Sulla nostra astronave
Il letto
(la doccia in bagno !)
Poi arrivò l’alba
Poi ancora scopare
Poi due uova fritte
Poi in spiaggia
distesi al sole.

Mentre il serpente d’asfalto che attorciglia la costa
ci sta riportando a casa
L’oscurità nel mare
La tristezza nel cuore
” Siamo cresciuti tra questi sassi”
” Stiamo morendo di nostalgia”
Faremo festa fino al termine per non accorgersi di essere alla fine.
Stavano passando
I giorni immortali

 

Joseph Purple

 

romeo3.jpg

Per sempre

Era l’inizio del millennio
E tu mi hai chiesto
Una Marlboro
Io ti ho dato una bomba
E l’abbiamo felici fumata

Poi t’ho dato
Schizzi d’amore
che iniettati
Ci resero immortali

Morimmo
Io per primo
E tu soffristi
Ci rincontrammo da sconosciuti
Mentre altri
Provavano l’immortalità

Dopo vent’anni d’amore
Ti stancasti di me
Io restai solo
e ti rimpiansi fino a marcire

Adesso, quando ci vediamo
Al pub love
nella stanza rossa
Alla quarta esistenza
Tu mi offri jack Daniel’s
Mentre parliamo dei figli
E fumiamo Winston rosse

Poi tu mi guardi negli occhi
E mi baci leggera
L’angolo della bocca
Prima di andare al lavoro
E morire
Ancora

Joseph Purple

 

stelle-cadenti-artificiali-853393.gif

Crateri

 

La coda delle stelle

filanti, gettate

dal finestrino da morte,

forava la pelle del sedile.

Rimanevano i crateri

della storia (i misteri).

 

Joseph Purple

 

18849446.jpg

Paesaggio

 

La luna seminascosta dal gelso

sussurra riflessi

mentre la psicadelia mi annebbia,

la campagna è scolpita

nella penombra.

 

Joseph Purple

 

MG_8776-Best-Jen-colors.jpg

Strada

 

Tutto può finire.

Goccia di pioggia che termina

la sua missione.

 

Precedenza allo stop.

 

Capita davanti ma è già tardi

Oppure ti sfiora

ed io tremo.

 

Mi fermo per respirare.

 

Qualcuno ha voluto

che ascoltassi ancora il Jazz.

Tu mi hai pensato forte

ed io non sono più libero di schiantarmi.

 

Joseph Purple

 

rifiuti_spiaggia-400x300.jpg

Come rifiuto platico sulla riva del mare

Aspetto il sapore migliore
Se mi parli  sincera di te
Starò qui ad ascoltare
E soltanto leggendo verità
Dai tuoi occhi e dalle tue rughe
Mi aprirò al tuo amore

Non lo so più
Se sei tu che cerco
Nel torbido di questa piscina
Colma di corpi spogli
Scartati e sconfitti
O se sono io
Che rincorro l’assurda
Impossibile luce
E m’arrovello ad ogni secondo
Senza sfondare le porte
Che pochi seppero aprire

Sono passati anni
D’amore e di follia
E ne passeranno altri
Nei miei giovani dolori
Ma non si placherà mai
Questa forza nera
Che mi spinge e mi lega
Che mi manda all’amore
E mi riporta sul fondo
Come un rifiuto plastico
Sulla riva del mare.

 

Joseph Purple

 

Noia-300x300.jpg

Preferisco

Preferisco uscire a piedi anche d’inverno
camminare solo alla deriva
per le vie deserte all’ora di pranzo
ed evitare lo zapping sul morbido divano.

Preferisco stare nella vera noia
piuttosto che nell’ artificio
e preferisco scrivere biglietti di ringraziamenti
per il funerale di nonna (un triste e uggioso funerale)
piuttosto che sedermi e sedarmi al bar
bevendo caffè
e leggendo il tabloid provinciale
che trasmette la malaria.

Preferisco stare nella noia
quella santa, grassa e piatta
aspettando qualcuno che venga a salvarci.

 

Joseph Purple

 

Fotogramma_576958-kn7D-U103032350359621D-568x320@LaStampa.it.jpg

Altro giorno

 

I

Altro giorno
Poca roba
Vita da poveri…….
Oggi ho guardato la metropoli
Ho paura di quelle facce
E adesso
Che sono in astinenza
Esco con la ragazza

II

La noia è finita
Il sesso all’infinito
Calda
Tutto è stato perfetto
Neppure il sabato
Succede

III

Ora sono nel letto
Ascolto la rivoluzione
Pulsa
Sento il sangue
All’attacco

IV

Ho la faccia bollente
Per domani
Rimane una dose
Sono passato per cento bar
Tutti uguali
Nessuna felicità

V

Nelle mie vene
Sta il mio cervello
Faccio
Anche se non voglio
E mi disintegro
E non bado
Sarai sempre al mio fianco ?

VI

Non c’è niente
Niente diverso
Dal solito
Scrivo
Non mi capita altro…..
Basterebbe una luna pulita
Per ogni giorno
Con la noia segregata
Dietro la nostra fantasia.

 

Joseph Purple

 

19601209_2080285772194838_4570569382160062736_n.jpg

Gennaio o Febbraio

……… E ad un certo punto feci il buffone
e salutai tutti vomitando in salotto
con i parenti che scuotevano la testa
e la mia ragazza
perse il rispetto per me.
Ed io, che non sapevo che mese fosse,
decisi di essere vero per sempre
poichè il sistema non meritava
il mio sacrificio.
E allora il giorno dopo
feci ancora più schifo
perché non me ne fregava più un cazzo.

 

Joseph Purple

 

sconfitta_a_opt.jpg

Sconfitta

 

Lo sai che non sarai

mai

pronto.

Quando arriverà

la sconfitta

allora

morirai.

Un attimo.

Son cose che conosci già.

Lo sai come si fa.

Lo sai…………

Lo sai…………

 

Joseph Purple

 

210.jpg

 

Siamo stanchi

 

Diciamoci la verità

Siamo stanchi

Di alzare la saracinesca

Di abbassare la saracinesca

Di portare giù la spazzatura

Siamo stanchi

Dell’angelus del Papa

Di far sempre la stessa strada

Di correre sapendo che non cambierà

 

Diciamoci la verità

Siamo stanchi

Di portare fuori il cane a cagare

Di leggere il giornale

Dagli appelli alla pace

Di aspettare miracoli

Di spostare le lancette avanti o indietro

Siamo stanchi

Di svuotare la lavastoviglie

Di caricare la lavatrice

 

Diciamoci la verità

Siamo stanchi

Di prendere il treno

Di ” Come stai tutto bene ?”

“Tutto bene grazie !”

Ma tu lo sai che non va bene un cazzo !

Siamo stanchi

Dei professori

Dei vigili

Di cercare parcheggio

Siamo stanchi

Dal caldo in inverno

Delle cene di lavoro

Di sorridere al cliente

Che tanto si vede che è un sorriso finto !

 

Diciamoci la verità

Siamo stanchi

Di allenarci in palestra

Di aspettare l’estate

Che non dura niente

Siamo stanchi

Di ascoltare i problemi degli altri

Di fare la spesa

Di portar su la spesa

Di svuotare le borse della spesa

 

Diciamoci la verità

Siamo stanchi di aspettare la rivoluzione

Siamo stanchi di aspettare il messia

Siamo stanchi di aspettare il momento giusto

Siamo stanchi di aspettare sulla banchina della Stazione

Il solito treno in ritardo

 

Diciamoci la verità

Siamo molto stanchi

 

Io vorrei riposare

Lasciar perdere tutto

Stapparmi una birretta

Io vorrei starmene seduto sul dondolo sotto al portico, a guardare quelli che corrono

Aspettando che anche loro si uniscano al mio sollievo.

 

 

Joseph Purple

 

228335.jpg

Tutto il resto è fuori

 

Nella camera d’albergo

guardo la TV spenta.

Riflette la mia notte

confermandomi che sono vivo.

Fuori nevica

e nelle auto che passano

ci siete voi.

 

Joseph Purple

 

gatto-curioso.jpg

 

Ehi dottore !

 

Ehi dottore,

che spacci psicofarmaci,

prenditi uno Xanax

e sorridi anche tu

inebetito

senza vivere……..

 

Cercati un amico

(meglio magari un’amica)

e buttati nell’allegria

oppure nella tristezza

di una mattina post sbornia.

Smettila di cercare

soluzioni

perché non c’è soluzione

esiste solo la vita,

l’insopportabile

senso di finito.

 

Ah che fardello inaccettabile

saper di dover morire !

Ma il mio gatto non lo sa,

vive curioso.

Ehi dottore,

tu non sei più curioso ?

 

Joseph Purple

 

spiaggia-di-sabbia-bianca-di-estate-della-sfuocatura-con-il-mare-scintillante-91575914.jpg

La spiaggia

Un pallido cielo
contorna il vecchio mare
col suo riflesso incantato
gli ho parlato
nel tremolio della quiete sabbiosa
clessidra affamata
del tuo tempo
del tuo amore
di tutta una vita

 

Joseph Purple

 

tramonto_macchina.JPG

Andiamo all’amore

 

È notte

sono sulla strada

col mio migliore amico

e siamo strafatti.

Nessuno ci farà l’antidoping.

 

Liberamente lanciati in sorpasso

130 km all’ora.

All’autovelox usciamo sfocati

Non abbiamo fissa dimora

non saprebbero dove spedirci il souvenir della fuga.

 

Autogrill.

Come straccioni entriamo

già sospettati di furto

ancor prima di varcare la porta

Telecamere a circuito chiuso.

Noi siamo l’unica cosa aperta.

Com’è strana la gente.

 

Due Tequila per morire

tra i muretti nell’area di sosta

fumiamo due sigarette

io cago

Lui aspetta di fuori e si gode la nottata serena

Turisti,

teppisti,

tizzoni d’inferno,

Terroni,

vecchi marpioni che vendono l’oro eterno.

 

Prima,

le ruote stridono

seconda, terza, 100 chilometri all’ora,

quarta,

quinta………..

In sorpasso continuo.

 

” Dove andiamo adesso ?”

” Dai nostri amori !”

” Arriveremo presto ?”

” Non aver fretta, farà bene al cuore”.

 

Joseph Purple

 

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: