Risultati immagini per whiskey

 

 

 

Immagine 4.png

Come tutti gli anni quando cambia il tempo, mi ammalo.
Faccio un raffreddore all’anno ma lo faccio bene, bello.
Bella !
Essendo fumatore, per completezza, faccio anche la bronchite; mi viene una tosse da vecchio e scatarro. Ora non starò qui a raccontarvi nei dettagli i colori e la consistenza del mio muco, ma più che altro volevo darvi qualche consiglio sul come superare questo piccolo malanno senza dover necessariamente riempirsi di farmaci perché poi, con tutte le pastiglie che già prendete, sarebbe un casino mettere insieme le interazioni e le controindicazioni tra più sostanze chimiche.

Dopo una lunga serie di esperimenti in cui ho fatto da cavia (rischiando effetti indesiderati e collaterali che andavano dal bruciore di stomaco alla diarrea), sono arrivato ad una conclusione scientifica: il raffreddore da cambio di stagione è prevalentemente dovuto ad una forte situazione di stress, alla voglia di vacanza che porta inesorabilmente ad un abbassamento delle difese immunitarie.
In via preventiva per tenere alte le difese immunitarie ci affideremo in un primo momento al…….. malto. Non appena le previsioni meteo vi avviseranno che si passerà dai 10 gradi dell’inverno moderno ai 40 della nuova estate industriale dovrete immediatamente attaccarvi alla bottiglia della Tennent’s doppio malto.
Purtroppo il raffreddore arriverà ugualmente ma sarà di un livello più accettabile.
La fase decisiva nella mia personalissima cura prevede il passaggio al Whiskey.
Ogni giorno, per una settimana consecutiva, utilizzando il misurino della Tachipirina vi farete, per tre volte al giorno, ogni 8 ore, uno “shottino” di bourbon.
Oltre a risolvere il problema dal punto di vista fisico, otterrete anche ottimi benefici sull’ umore e tornerete ad essere felici come dei bambini al primo giorno di vacanza.

Quindi buttate via tutti i farmaci e soprattutto tutti gli psicofarmaci e con allegria datevi al Jack Daniel’s. Musica

 

 

 

Annunci